mercoledì 12 maggio 2010

Nel Garden State

Appunti di viaggio  - New York Maggio 2010 - (2)

Pochi minuti dopo esser salito nella macchina dell’amico che e’ venuto a prendermi, mi rendo conto di essere in una parte degli Stati Uniti molto diversa da quella che conosco.

Essendo sempre stato solo in grandi citta’ (New York, Boston, Chicago, Seattle), non sono abituato allo spettacolo strano e affascinante che mi viene proposto dal Ney Jersey, il “Garden State”: le grandi autostrade a sei corsie, gli svincoli in cui nemmeno il navigatore sembra poter essere sufficientemente chiaro, se non ci si aggiunge un po’ di esperienza, i centri commerciali sparsi praticamente ovunque, le strade secondarie che distendono la loro scia di asfalto nero in un mare di verde, fatto di prati, di alberi, di appezzamenti di terreno curati, di ruscelli pacifici e di case bellissime, le family houses, ville a due piani fatte di legno e circondate da giardini molto curati.

CIMG4198

Gli animali sono molto presenti, scoiattoli, uccelli, cavalli, e cosi’, procedendo il viaggio verso casa, capita anche di imbattersi in un daino morto lungo la strada, su cui i corvi stanno iniziando il loro banchetto.

CIMG4196

In questo Stato le citta’ sono state abbandanate gradualmente e lasciate praticamente solo ai poveri e agli emarginati. Le persone della middle e della upper class vivono fuori dai centri urbani, in comprensori (communities) di case a due piani, per lo piu’ monofamiliari, che variano come dimensioni dai 3000 ai 5000 e piu’ square feet (dai 300 ai 500 metri quadri) senza contare il basement (il sotterraneo in cui inevitabilmente i teenager costruiranno il loro regno).

CIMG4194I comprensori piu’ “established” hanno giardini piu’ curati, mentre quelli piu’ nuovi sono abbastanza spogli, ma i proprietari ci tengono a sistemare il tutto al meglio prima possibile, il che lascia dedurre quanto l’aspetto esteriore della casa sia un biglietto da visita importante per i vicini e gli amici.

La macchina e’ necessaria per qualsiasi spostamento, e viste le dimensioni delle case, forse potrebbe risultare utile anche per andare dal salone alle camere da letto! Il concetto di “vicino” deve essere riformulato, visto che il negozio “sotto casa” dista circa 15 minuti di macchina e una ventina di miglia a dire poco (circa 30 km). Appena arrivati al mall piu’ vicino, si rimane stupiti dalla specializzazione dei negozi: quelli arrivati sino a noi in Italia, come Blockbuster per i film e McDonald per la ristorazione, sono solo una minima parte di quanto e’ presente qui, a tal punto che non si fa fatica a trovare un intero megastore che vende solo liquori, o frutta decorata!

CIMG4185

E nel rigidissimo stato dove e’ reato avere in macchina una bottiglia di birra aperta, non e’ raro trovare una allegra famiglia che compra un paio di casse da 72 lattine di birra per l’uso quotidiano (da trasportare fino a casa rigorosamente chiuse e nel portabagagli).

Ma se questa piccola parte del New Jersey mi ha emozionato, cosa succedera’ durante la mia gita a New York?

Post più popolari