martedì 18 maggio 2010

Philadelphia…

Appunti di viaggio  - New York Maggio 2010 - (5)

Il New Jersey permette di vivere una vacanza negli States in modo del tutto particolare: in un ambiente accogliente, sicuro, ordinato, verde, vivibilissimo, con autostrade degne delle migliori capitali europee (e di piu’) e praticamente assenza di traffico, ci si puo’ gustare una passeggiata in bellissimi parchi, una cavalcata nei numerosi e bellissimi maneggi, una partita a minigolf in centri molto curati dove la natura e’ stata resa parte dello spettacolo che viene offerto al cliente, ma si e’ anche allo stesso tempo connessi in modo agevole con New York, di cui gia’ ho parlato, con il Jersey shore, la parte di oceano che lambisce lo Stato, con i bellissimi laghetti presenti nella parte a nord del Paese, che purtroppo non faro’ in tempo ad ammirare quanto avrei voluto, ma anche, da non sottovalutare, con Philadelphia, citta’ che dista meno di un’oretta di macchina, in cui ho avuto la fortuna di poter fare un giretto di una giornata.

La comodissima autostrada che consente di arrivare dalla zona di Princeton a Philadelphia, ne regala una vista mozzafiato, che (quasi) nulla ha da invidiare a quelle piu’ blasonate delle altre citta’ americane. Purtroppo la foto non rende bene l’idea, ma con un po’ di immaginazione… Copy of CIMG4477

La citta’ e’ molto diversa da New York o dalle altre in cui sono stato. Su consiglio di un caro amico, mi dirigo innanzitutto verso il quartiere a sud del centro citta’, dove e’ possibile gustare la famosa  “cheese steak”, una specie di panino con fettina alla piastra e formaggio. Il posto suggeritomi e’ Geno’s Steaks, un vero ritrovo per amanti delle steak, che in questo locale devo ammettere essere particolarmente buone e accattivanti: la carne molto magra, il provolone – pronunciato provoloni – molto gustoso, il servizio rapido ed efficente.

CIMG4485

Gustata la leccornia del posto, mi dirigo verso downtown, alcune peripezie per trovare un parcheggio, ma nulla al confronto di quello che avrei dovuto sopportare a New York! Infatti, mi rendo subito conto che il posto che ho trovato libero si trova proprio nel cuore del centro citta’! Per fortuna i parcometri sono gli stessi (stessa marca tedesca, stesse istruzioni…) di quelli usati a Roma, per un attimo mi sento proprio a casa. Ma questo e’ il panorama che mi aspetta appena voltato l’angolo:

CIMG4499

In particolare mi colpisce molto il grattacielo con la punta cosi’ strana, in questa serie di architetture postmoderne sembra quasi essere una chiesa, invece e’ il one liberty place, sede di una grande compagnia assicurativa, che denota e caratterizza l’intera skyline della citta’. Alla sua base c’e’ un grande centro commerciale con una volta molto particolare, da cui e’ possibile ammirare la sommita’ del grattacielo. Ancora una volta si rimane con il naso all’insu per qualche secondo, ammirati da quanto l’uomo sia stato capace di ergersi in alto, con maestosita’ ed eleganza.

CIMG4500

Piu’ in basso, sul piano strada, ad attirare la mia attenzione sono le voci della gente, il passeggio spedito ma regolare degli uomini d’affari, ma anche, a differenza della Grande Mela, le mamme che spingono le carrozzine, i baristi che occhieggiano stanchi fuori dai loro locali, e alcuni capannelli di multicolori etnie diverse. C’e’ una atmosfera multietnica, frizzante, attiva, ma comunque tranquilla e “safe”. Sopra tutto questo, domina il palazzo comunale (o almeno di quello che ha tutta l’aria di essere un palazzo comunale) abbellito da statue di scultura contemporanea.

CIMG4506 Dopo essermi gustato questa bella passeggiata nel cuore della citta’, non resta che fare un giro sul ponte di Benjamin Franklin per completare l’emozionante tour. Essendo la prima volta che passo su un ponte di ferro di queste dimensioni, l’emozione c’e’ davvero! Mi sento piccolo e mi viene spontaneo ammirare le grandi tenso strutture che sostengono la campata aggrappandola alle alti travi… Anche qui un’opera dell’uomo che lascia stupiti…

CIMG4510

Grazie Philadelphia! Arrivederci!

Post più popolari